SCARPITTA Salvatore

New York, 1919-2007

Figlio di uno scultore italiano emigrato negli USA, nel '36 si trasferisce a Roma e si dedica, negli anni Cinquanta, a una pittura che evolve da un lessico postcubista verso esiti materico-gestuali. Nel '59 torna a New York ed espone nella galleria di Leo Castelli opere costituite dall'intreccio di bande elastiche e strisce di tela su telai. Il lungo rapporto di lavoro e di amicizia con Castelli è documentato sino alla fine degli anni '90 da numerose mostre personali e collettive.


Artist's Artworks